INKOSPOR, ALLE ORIGINI DELLA QUALITÀ

Roth (Germania) – Prosegue la crescita di Inkospor Italia, l’azienda di integratori che è stata anche sponsor ai recenti campionati italiani di ciclismo. Nell’ottica di sviluppo, per rafforzare la partnership con la casa madre tedesca, il titolare di Inko Italia Benedetto Catinella, accompagnato da un rappresentante del Gruppo Editoriale Inbici, ha partecipato lo scorso primo luglio alla visita guidata all’azienda farmaceutica Nutrichem Diat+ Pharma GmbH.

Fin da subito, quando si giunge allo stabilimento di Roth, città a pochi passi da Norimberga, si nota serietà e attenzione per ogni singolo dettaglio. L’azienda – specializzata dal 1977 nell’alimentazione clinica, dietetica e sportiva – ha come principale obiettivo la sicurezza dei propri prodotti. Prima di entrare e visitare i vari reparti è d’obbligo indossare camice, cuffie e copri-scarpe, oltre che a lavare attentamente e disinfettare le mani.

All’interno, ben separati, si trovano vari reparti: quelli per la produzione dei prodotti in barattoli, con una macchina totalmente isolata dall’esterno per garantire la completa sterilizzazione dei materiali e la genuinità del composto, quelli per vari prodotti in altri involucri e quello per l’inscatolamento, dove l’operaio – oltre a svolgere il lavoro manuale – aggiorna costantemente i dati sul proprio computer. Ogni singola confezione e ogni singolo componente viene registrato e costantemente monitorato in tutte le fasi della produzione.

Grande è anche l’attenzione a tutti i particolari, soprattutto all’etichetta che è il primo biglietto da visita del prodotto ed il primo certificato di garanzia. Qualora questa fosse stampata con una piccola sbavatura o fosse incollata storta, anche solo di un millimetro, la confezione viene immediatamente scartata dalla macchina. L’azienda, nell’interesse della salute dei clienti, ci tiene a garantire trasparenza sulle proprie etichette. E l’invito va proprio al consumatore che, in questo caso, deve guardar sempre sul retro del prodotto che sta per acquistare.

Per soddisfare l’espansione nei mercati asiatici ed una clientela sempre più internazionale, la Nutrichem sta continuamente rinnovando le proprie attrezzature meccaniche. A tale scopo, accanto ai reparti prima citati, è stato installato un ampio magazzino, alto sette piani e lungo novanta metri, totalmente robotizzato. Questo facilità la distribuzione in tutto il mondo, in modo che le richieste vengano evase in pochi giorni.

Terminata la visita al luogo di produzione, i responsabili hanno mostrato con orgoglio i laboratori altamente specializzati, situati a poca distanza. Qui si effettuano decine di controlli sui prodotti e su tutti i materiali utilizzati. Un team ha il compito specifico di trovare il giusto equilibrio tra i vari componenti, un altro deve controllare che non vi siano batteri nocivi presenti e un altro, infine, deve garantire la giusta qualità, così da poter attribuire il punteggio chimico specifico. Ultimo fondamentale passaggio, prima di immettere sul mercato il prodotto, l’assaggio e la verifica finale sulla conservazione.

È così che infine i prodotti Inkospor giungono anche sul mercato italiano, con la certezza di essere i numeri uno nella qualità, garantita e certificata, e nella credibilità.